Amalgama

 Amalgama.

L’ amalgama dentale è un materiale a base metallica che contiene fino al 50% di mercurio.
L’ amalgama è stata usata durante oltre 100 anni per otturazioni e ricostruzioni dirette dei denti.
Negli ultimi anni il suo uso è andato in declino per ragioni estetiche e per il timore che la presenza di mercurio possa creare danni alla salute dei pazienti.
Contrariamente a quanto si credeva in passato, il mercurio è in grado di fuoriuscire gradualmente dall’amalgama delle otturazioni, fenomeno favorito dalla normale masticazione, dal digrignamento e addirittura dallo stesso spazzolamento dei denti.
Si stima che dopo 20 anni circa dal restauro l’80% del mercurio non sia più presente nell’amalgama ma venga assorbito dall ’ organismo causando disturbi più o meno importanti.

Fortunatamente molti di queste conseguenze sono risultate reversibili una volta eliminata l’amalgama e quindi l’esposizione al mercurio.
Nonostante l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) non abbia ufficialmente vietato l’uso dell’ amalgama oggi essa è stata bandita in alcuni paesi, ad esempio la Svezia, e la tendenza di molti professionisti italiani è quella di utilizzare nuovi materiali, innocui per la salute e con un risultato estetico decisamente migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *