Bruxismo

Il bruxismo.

Per bruxismo si intende l’abitudine di serrare o digrignare i denti.

Il bruxismo colpisce una buona percentuale di adulti e bambini.

Questa “abitudine viziata” è definita “parafunzionale” perché non rientra nelle normali funzioni della nostra bocca; si manifesta con maggior frequenza di notte e spesso chi ne soffre non ne è consapevole.

Le cause del bruxismo non sono note: se una volta si pensava potesse essere causato da una  malocclusione, oggi si tende a ritenere che ne soffrano le persone che attraversano un periodo di stress o tensione.

Il bruxismo o digrignamento produce una notevole usura dei denti e potrebbe essere motivo di frattura di restauri dentali o dei denti stessi!

Le continue sollecitazioni causano problemi anche a gengive ed osso che sostengono il dente.

Il bruxismo inoltre produce affaticamento della muscolatura masticatoria che diviene dolente e causa a volte di mal di testa.

I muscoli della masticazione ( massetere e temporale ) infatti dovrebbero essere attivi solo per masticare i cibi durante i pasti e per il resto della giornata svolgere una minima attività per parlare o deglutire.

In una persona che soffre di bruxismo, questi muscoli lavorano continuamente, anche di notte, e come tutti i muscoli quando si affaticano diventano dolenti.

Anche i c potrebbero essere collegati al bruxismo: il muscolo digastrico infatti collega la parte anteriore della mandibola con la base del cranio, e la sua contrazione continua e anomala modifica la posizione delle prime due vertebre cervicali.

Cosa fare per curare o prevenire il bruxismo?

Innanzitutto adottare uno stile di vita sano: limitare l’assunzione di caffè ed alcolici,( soprattutto la sera ), cercare di dormire a sufficienza e praticare con regolarità un’attività fisica per scaricare le tensioni.

In alcuni casi può essere consigliato l’uso di un bite notturno, una specie di paradenti preparato dal dentista che evita ai denti di entrare in contatto diretto tra loro ed aiuta ad alleviare le tensioni muscolari.

Se il bruxismo è presente anche di giorno è importante imparare a identificarlo: spesso la tendenza a stringere o digrignare avviene in momenti ben precisi ( lavoro stressante, durante la guida…) identificarlo aiuta a controllarlo; una posizione a riposo prevede labbra chiuse e denti separati!

In alcuni casi, quando il problema ha causato un’abrasione eccessiva, è necessario ricorrere ad una riabilitazione protesica per ripristinare la forma e l’altezza originale dei denti.

Ovviamente alla fine della riabilitazione un bite notturno è vivamente consigliato per salvaguardare il nuovo lavoro: se dovesse rompersi infatti aumenterebbe il vostro stress e di conseguenza il bruxismo!

Hai una domanda?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *