La Sigillatura Dei Solchi

La sigillatura dei solchi è una procedura raccomandata per prevenire la formazione di carie.

I solchi e le fessure dei molari permanenti, a causa della loro conformazione rappresentano luogo ideale per la proliferazione dei batteri.
In quella zona infatti c’è poca autodetersione fisiologica e anche lo spazzolamento a volte risulta difficile.

La sigillatura è una procedura molto semplice, economica, non dolorosa e per la quale non serve anestesia.

Leggi tutto “La Sigillatura Dei Solchi”

Prima visita

primavisita

Quando effettuare la prima visita.

Per prima cosa bisogna distinguere le due figure odontoiatriche che si occupano della salute orale del bambino: il pedodonzista e l’ortodonzista.

La prima figura, il pedodonzista, è il dentista che si occupa dei bambini e che quindi diagnostica le carie dei pazienti più piccoli, le cura, valuta l’igiene orale del bambino e la corretta eruzione dei denti decidui e permanenti.

Questa figura è rappresentata solitamente dal dentista generico che si occupa anche della pedodonzia (scienza che si occupa dell’odontoiatria dei bambini).

La prima visita dal pedodonzista può avvenire Leggi tutto “Prima visita”

Dentizione decidua

Dentizione decidua

Al momento della nascita generalmente il bambino non ha denti, tranne alcune rare eccezioni. Successivamente si presentano due differenti dentizioni: una dentizione decidua (o denti da latte) e una permanente (o definitiva).

I denti decidui (o da latte) sono quei denti che compaiono per primi e che
sono destinati a cadere e ad essere sostituiti da quelli definitivi.
La dentizione decidua è costituita da 20 denti, 10 per l’arcata inferiore e 10 per l’arcata superiore. Sono disposti in numero di 5 per ogni emiarcata (metà arcata).

Ogni cinquina quindi è formata da un incisivo centrale, uno laterale, un canino, primo e secondo molare. L’eruzione dei denti decidui avviene tra i 6 mesi e mezzo e i 2 anni e mezzo. Leggi tutto “Dentizione decidua”

La tasca parodontale

consiste in un aumento di profondità del solco gengivale.

Il solco gengivale, che si trova tra dente e gengiva, normalmente misura due o tre millimetri al massimo.

Tasca

 

 

 

La diagnosi del problema viene effettuata per mezzo di un sondaggio parodontale utilizzando una speciale sonda millimetrata che si inserisce tra dente e solco gengivale.

La causa principale che determina la tasca parodontale è l’accumulo  di placca batterica che, se non viene rimossa, provoca la distruzione dell’ epitelio sulculare, il quale, per Leggi tutto “La tasca parodontale”

Afte

Afta

Le afte (afta in greco significa “ulcera”) sono piccole lesioni della mucosa orale.

Come si presentano?

Normalmente, hanno una forma tondeggiante, con un diametro che normalmente varia dai 2 ai 5 millimetri ma in casi fortunatamente sporadici possono raggiungere anche il centimetro e più!

Le afte possono essere singole o in gruppo, hanno margini leggermente rilevati con un alone arrossato e la parte centrale è di colore biancastro lievemente incavato.

Dove appaiono?

Le zone colpite possono comprendere tutto il cavo orale: interno guance, labbra, lingua, palato o gola.

A differenza delle vesciche dell’herpes simplex, le afte non sono contagiose e non sanguinano.

Chi ne soffre?

L’aftosi è molto comune e può comparire a tutte le età; anche se non sono ben chiari i motivi sembra che le donne ne soffrano maggiormente. Leggi tutto “Afte”

Traumi dentali

traumi dentali

✅Un trauma dentale è un evento piuttosto frequente durante l’infanzia: si stima infatti che un bimbo su quattro abbia subito un trauma ai denti!

Ovviamente questi traumi possono causare danni d’entità diversa: nei casi più fortunati si tratta di eventi minimi che possono provocare piccoli ematomi al labbro, alla guancia o al massimo alla gengiva senza avere ripercussioni dentali.

Traumi più gravi invece possono produrre lesioni ai tessuti duri del dente e causare piccole scheggiature. Infine, nei casi estremi, si può giungere anche all’avulsione completa del dente!

❓COSA FARE IN CASO DI TRAUMA?

➡️Innanzitutto un controllo dal dentista di fiducia che valuterà l’entità del danno e deciderà di conseguenza come intervenire.

➡️In caso di piccole scheggiature, se il dente interessato è già un dente permanete, è possibile una ricostruzione diretta in resina; in caso il danno interessi un dente deciduo invece solitamente non si interviene in nessun modo ma si attende la permuta fisiologica.

➡️In caso la frattura sia più estesa ed arrivi a coinvolgere la polpa si renderà necessaria una devitalizzazione prima di procedere alla ricostruzione estetica del dente.

➡️In caso il trauma causi l’intrusione del dente, normalmente si attende l’estrusione spontanea; se questo non dovesse accadere, il medico valuterà a distanza di tempo se intervenire con 

un riposizionamento ortodontico.

➡️Nell’evenienza di avulsione completa è consigliato immergere il dente in acqua fisiologica, nel latte o nella saliva e intervenire tempestivamente! In questi casi infatti si riprova a reimpiantare il dente in sede  bloccandolo per qualche settimana ai denti adiacenti.

✅Anche i traumi più banali necessitano comunque di controlli regolari per valutare che la vitalità del dente non abbia subito alterazioni.

Traumi dentali

 

Xerostomia

Xerostomia

La xerostomia ( dal greco xeròs “secco” e stòma “bocca “) nota come secchezza delle fauci indica una produzione di saliva decisamente ridotta. Quando la diminuzione del flusso salivare invece è contenuta si parla di iposcialia.

Questo disturbo è molto diffuso, sembra che ne soffra circa il 30% della popolazione.

La Saliva è un complesso multi-funzionale fluido e le sue proprietà lubrificanti, umidificanti e protettive sono essenziali per la cavità orale; senza di essa le quotidiane funzioni di masticazione, deglutizione, senso del gusto, la capacità di parlare sarebbero fortemente compromesse.

A volte non ci si accorge del disturbo, se non quando il problema si accentua.

Leggi tutto “Xerostomia”

Ciuccio

Il Ciuccio

La gravità dei danni causati dal ciuccio allo sviluppo dei denti, della bocca e del terzo inferiore del viso dipende dalla maggiore o minore durata dell’abitudine viziata, dall’intensità e dalla frequenza della suzione, dalla predisposizione individuale.

La malformazione più evidente che si può riscontrare è il cosiddetto “morso aperto”, cioè uno spazio esistente, a bocca chiusa, fra i denti superiori ed inferiori: il ciuccio, infatti, ostacola la corretta crescita degli incisivi e dei canini ed inclina all’esterno gli incisivi; se il bambino tiene il ciuccio in posizione laterale, la malformazione interesserà i canini e i molari del lato in questione.

Per chiudere il sigillo orale durante la deglutizione, la lingua si interpone fra le arcate dove queste non sono a contatto, perpetuando la modalità di deglutizione del lattante (“deglutizione atipica” o “infantile”) ed Leggi tutto “Ciuccio”

Carie

Carie

Cos’è la carie dentale?

Tutti abbiamo sentito parlare della carie dentale, ma sappiamo esattamente cos’è?

In breve la carie è un processo di distruzione dei tessuti duri del dente che origina dalla superficie e se non curata procede in profondità fino ad arrivare alla polpa dentale: e allora son dolori!.

La carie è una patologia di origine multifattoriale: non ha quindi una sola causa, ma sono più fattori che concorrono alla sua formazione: placca batterica, saliva e anatomia dei denti sono i principali.

I denti di alcuni soggetti potrebbero essere più vulnerabili di altri all’azione dei batteri cariogeni Leggi tutto “Carie”