La tasca parodontale

La tasca parodontale

consiste in un aumento di profondità del solco gengivale.

Il solco gengivale, che si trova tra dente e gengiva, normalmente misura due o tre millimetri al massimo.

Tasca

 

 

 

La diagnosi del problema viene effettuata per mezzo di un sondaggio parodontale utilizzando una speciale sonda millimetrata che si inserisce tra dente e solco gengivale.

La causa principale che determina la tasca parodontale è l’accumulo  di placca batterica che, se non viene rimossa, provoca la distruzione dell’ epitelio sulculare, il quale, per difendersi, migra più in basso.

La placca ed il tartaro accumulati al di sotto dei tessuti gengivali causano la progressione della malattia: infatti i batteri, che si annidano nelle tasche parodontali, producono tossine e uccidono le cellule ossee.

La conseguenza è un riassorbimento osseo che provoca mobilità dei denti.

In assenza di cure adeguate il progredire della malattia può portare alla perdita di denti anche se sani.

La presenza di tasche non sempre è accompagnata da segni evidenti; questo potrebbe determinare una diagnosi tardiva della malattia.

Alcuni sintomi però potrebbero destare sospetti: sanguinamento gengivale, alitosi, mobilità dei denti, recessioni gengivali e sensibilità dentale.

Come già detto, la presenza di placca è la causa principale  della formazione di tasche  parodontali; tuttavia altri fattori possono favorirne la comparsa: predisposizione genetica, fumo, mutazioni ormonali, terapie farmacologiche, diabete ed alcune malattie sistemiche.

La terapia per curare le tasche parodontali è strettamente correlata allo stadio della patologia: sedute più assidue dall’igienista, levigatura radicolari, fino ad arrivare a interventi chirurgici mirati alla rigenerazione ossea.

Al fine di prevenire la malattia parodontale sono consigliabili, oltre ad un’accurata igiene domiciliare, sedute regolari dall’igienista professionale, e, in caso di dubbio una visita dal parodontologo preceduta da una serie di radiografie.

Hai una domanda?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *